martedì 7 gennaio 2014

Non puoi prenderli in giro


Come sono andate le feste? Indovinate come sono andate le mie?
Ovviamente non come avevo programmato, sognato e immaginato. Riuscirò prima o poi a impararla questa benedetta lezione?
Il Natale l'abbiamo trascorso “just the three of us”, io con la febbre e Vittoria con l'influenza intestinale. Con le poche forze che avevo ho comunque costretto marito e figlia a indossare qualcosa che non fosse un pigiamo o una tuta e a fare finta che...
La sera di capodanno ci siamo ritrovati da sette e tre bimbi a cinque e una bimba, perché i figli si ammalano sempre quando non devono; e io mi sono ritrovata a cucinare la mia parte del cenone quando gli ospiti erano già arrivati. Quando è scoccata la mezzanotte io ero, ignara degli ospiti e di mio marito che mi aspettavano silenziosi sotto in soggiorno, con Vittoria, in camera sua, persa nel nostro abbraccio e nei suoi occhi. Neanche i botti mi hanno fatto realizzare che eravamo entrati nel nuovo anno. Ripensandoci però, quell'abbraccio è stato il modo più dolce e speciale con cui io abbia mai iniziato un anno. E mi perdoni mio marito...

Li avete fatti i buoni propositi per questo nuovo anno? E il bilancio di quello che si è appena concluso?
Il 2013 è stato per me un anno indimenticabile sotto molto aspetti e quasi mi vergogno ad ammettere di essere comunque insoddisfatta. Eppure è così.
Dunque da oggi ho deciso di cercare di fare tutto il possibile per migliorare le cose per cui sono scontenta e mi sono imposta dei piccoli passi per avvicinarmi al cambiamento che desidero. Le difficoltà non mancheranno, vi basti sapere che, oggi, primo giorno del mio “nuovo” anno, ho passato tutto il tempo a ripetere a me stessa: coraggio, non farti abbattere!

I desideri sono la cosa più importante che abbiamo e non si può prenderli in giro più di tanto. Così, alle volte, vale la pena di non dormire pure di star dietro a un proprio desiderio.

Alessandro Baricco


9 commenti:

  1. Francesca, io davvero non so perchè tu sia sempre tanto rigida con te stessa, ti abbraccio forte forte e auguro ancora buon anno, scrivimi se ti va e se hai tempo, sono certa che ti farà bene e ci potremo confrontare su molti punti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento mi ha fatto molto riflettere, Sandra grazie. Ti scriverò di sicuro.

      Elimina
  2. Io e Francesca ci assomigliamo molto.
    Le soddisfazioni, i nuovi respiri - l'aria - arriveranno.
    Grazia

    ps - che bella questa frase di Baricco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, come mi scrisse una volta Sandra, dobbiamo assolutamente incontrarci!

      Elimina
    2. Ce la faremo in questo 2014?

      Elimina
  3. Siete tutte e due molto raffinate, io in confronto sembro anzi sono un panzer che parla in fretta e si agita, voi belle discrete, eleganti. Ma tutte e tre amiamo così tanto i libri!!! sandra

    RispondiElimina
  4. I buoni propositi...ecco cosa il poco tempo ti fa dimenticare...grazie Francesca per le tue parole di pro(poca)memoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle volte non fare buoni propositi è un buonissimo proposito!

      Elimina