lunedì 19 giugno 2017

Non farcela


L'altro pomeriggio ero ai giardinetti, seduta su una panchina all'ombra a guardare boccheggiante VV che correva instancabilmente da una parte all'altra (poi però l'ho dovuta strizzare...) e mi lamentavo del caldo con una nonna. Ecco, le nonne sono più arzille di me. Le ultime energie io le ho spese per piangere alla recita di fine anno di VV. Ho versato lacrime anche alla consegna dei diplomini per i bambini dell'ultimo anno. Ho pianto per i figli degli altri. Non mi sono risparmiata.
Il mantra di questi miei giorni è “Non je a faccio chiù”. Che poi non è solo il caldo, è proprio una questione mentale, cioè la mia testa mi sta gridando a gran voce di smetterla, di chiudere baracca e burattini e andarcene tutti in vacanza a fare niente. No, neanche in vacanza, che viaggiare implica comunque fare qualcosa, proprio fare niente se non le cose basilari per la sopravvivenza: mangiare e dormire. Una doccia ogni tanto, dai... Ho proprio bisogno del nulla più totale. Ma siamo sicuri che il letargo sia prerogativa solo dell'inverno? Io ormai delle stagioni non mi fido più.
Comunque, questa premessa per ricordare a me stessa di mettere il ventaglio in borsetta, continuo a dimenticarmene (ve l'ho detto, le nonne sono più giovani di me) e per anticipare a voi che sono in arrivo i consigli per l'estate. Mentre io riposo qualcuno dovrà pur darsi da fare.
Consigli di lettura, trucchi di viaggio, guide, cosa mettere in valigia e come, i miei buoni propositi per il rientro (ci sono ricascata). C'è qualcosa in particolare che vi incuriosisce, suggerimenti che vi farebbe piacere e comodo ricevere? Curiosi di sapere le mie mete? Poi il blog chiuderà e se ne andrà in vacanza. Io, tra le altre cose, dovrò anche riprendermi dallo shock che il primo anno di scuola di VV sia già terminato.

lunedì 12 giugno 2017

Tre insegnamenti da un cantiere


Tre cose che ho imparato vivendo in mezzo a un cantiere: quello di casa mia.

Il disordine fa male alla concentrazione

Per forza di cose abbiamo vissuto (e stiamo vivendo ancora, ahimè, ma ve ne scriverò più avanti nel testo) in mezzo al disordine e allo sporco. Per permettere ai muratori di lavorare abbiamo dovuto svuotare parzialmente alcune stanza, spostare dei mobili, ammucchiare cose, ricoprire con teli altre; al di là del disagio che questo può comportare, ho scoperto a mie spese che aveva un forte impatto sulla mia concentrazione e sulla mia capacità di lavorare da casa. Impiegavo molto più tempo a fare le stesse cose, le interruzioni erano maggiori, la voglia di lavorare alle volte latitava: una volta intrapresa una china è facile lasciarsi andare e precipitare sempre più giù. Il disordine ci mette molto poco a prendere il sopravvento e poi hai voglia a mettere in ordine, quando non sai da che parte iniziare e capisci che ti ci vorrà molto tempo per farlo. Anche ora, a lavori praticamente terminati, l'ordine è una delle cose che ho più difficoltà a mantenere: torni la sera tardi a casa, ti spogli e ammonticchi i vestiti sulla sedia, il mattino esci subito di casa, la sera altri vestiti ammonticchiati. Oppure la pila delle riviste che vorresti finire di leggere, i giochi di VV non messi via perché era già ora di andare a nanna, le cose non riposte perché vanno in alto e adesso sei davvero tanto stanco e non hai nessuna voglia di andare a prendere la scala. Potrei andare avanti all'infinito...

Una volta iniziato non smettere fino a quando non hai finito

Ho letto un articolo che dava alcuni suggerimenti in caso di trasloco e uno in particolare ho scoperto essere utilizzabile anche nella mia situazione. L'autrice affermava che una volta iniziato a svuotare gli scatoloni non bisogna fermarsi fino a quando non si è finito di vuotarli e riporre tutto; se lasci alcune cosa da fare in un secondo momento alte sono le probabilità che finirai per non trovare mai il tempo di farle. Ebbene, se ho scritto che viviamo ancora un po' in mezzo al disordine è perché innumerevoli sono le cose che non abbiamo ancora finito di fare: specchi del bagno da appendere, cavi della luce che aspettano una lampada, stanze ancora senza porta, ad esempio. Il tempo per andare nei negozi a comprarle sembra introvabile. A questo punto, temo questa estate sacrificheremo alcuni giorni di ferie per riuscire a mettere la parola fine a questi benedetti lavori.

Troppa roba

Se pensavo di aver fatto abbastanza decluttering mi sono dovuta ricredere: la casa è ancora troppo piena di oggetti inutili o quasi. La prova: non ho sentito la mancanza o non ho avuto bisogno di molte delle cose contenute nei mobili che erano stati ricoperti dai teli. Anche in questo caso sarebbe bello poter fare pulizia tutto in una volta, come la saggia Marie Kondo suggerisce di fare, ma se non erro le giornate si ostinano ad essere sempre di 24 ore. Nell'attesa di completare definitivamente anche questo passaggio, dovrò cercare di resistere ai saldi, che si stanno pericolosamente avvicinando, quando è un attimo dire: “Ma sì, dai, per 10 euro...”

I libri della mia libreria invece, nascosti per settimane dai teli, mi sono mancati tantissimo.

lunedì 5 giugno 2017

La vita, ultimamente 23


La primavera si è fatta attendere, poi ha deciso di non venire e di cedere il passo all'estate: non ci sono più le mezze stagioni non è un modo di dire, è una certezza. Forse dovremmo proprio rivedere il termine stagione... Guardiamo il lato positivo, l'armadio si può limitare a contenerne due: l'inverno e l'estate, per tutto il resto è un barcamenarsi tra un aggiungi uno strato, togli uno strato.
Sorvoliamo sulla pioggia, noi l'abbiamo combattuta brandendo alta la tessera musei fino a quando qualcuno alla domanda “Cosa ti piacerebbe fare questo weekend, VV?” ha risposto: “Niente mostre e niente castelli”. Grazie al cielo è coinciso con il ritorno del sole e così abbiamo inaugurato una delle cose che più ci piace fare con la bella stagione: pranzare all'aperto, unito a un giro al mercato dell'antiquariato del Balon per la mamma mentre qualcuno si godeva i giardinetti scortata dal santo papà.

(L'immancabile quaderno da colorare per le attese e i tempi morti durante i pasti fuori)
 
Maggio non poteva che essere il mese del Salone del Libro, la rivincita mi verrebbe da aggiungere. Quei giorni per me sono stati un turbinio di emozioni. Ho ospitato per la prima volta una persona che non era un parente, con tutti i timori annessi e connessi: è abbastanza in ordine, pulito, sarà a suo agio, ci troveremo bene, le piacerà la casa, noi, il cibo, le lenzuola, gli asciugamani, chissà il buco dell'azoto... Insomma, quante paranoie in anticipo che uno si fa. Ed ero consapevole che me le sarei fatte e consapevolmente ho voluto impormi questa sfida: ospitare qualcuno che non hai mai visto prima di persona è come viaggiare, è come far entrare a casa tua un pezzetto di mondo ed è un'esperienza che vale la pena di tutte quelle paranoie, è un'esperienza che voglio regalare a me e alla mia famiglia. Quindi tenete drizzate le orecchie, perché voglio sicuramente ripeterla e qualcuno tra voi potrebbe avere la fortuna di vedermi in pigiama e so che morite dalla voglia di farlo...

(I miei acquisti al Salone del Libro. Manca il turineisa "Un'imprecisa cosa felice" di Silvia Greco)

Come non nominare l'emozione della prima volta di una presentazione di un libro in ambito del Salone Off? Tante pacche sulle spalle a me e alla mia collega Flavia Ingrosso, oltre a un grazie speciale a Davide della Libreria Pantaleon che ci ha ospitato e a Simona Binni, l'autrice, incantatrice di grandi e piccini con i suoi disegni.


Chi l'avrebbe detto che avrei concluso questo mese con un bagno nel mare e riabbracciando una cara amica di infanzia, la più longeva che ho: ben 28 anni di amicizia e un filo che non si è mai spezzato, nonostante la lontananza (lei è inglese e vive a Londra), in comune tante cose, oltre al nome, e la magia ad ogni incontro di sentirci come se ci fossimo salutate solo il giorno prima.


Il mio profumo dell'estate.

Adesso è il turno di giugno, mese che da quattro (!) anni a questa parte, è tutto SUO.