lunedì 19 settembre 2016

#31grazie

Live all you can; it's a mistake not to. It doesn't so much matter what you do in particular, so long as you have your life. If you haven't had that what have you had?

Henry James
Con questa frase, alla fine di luglio, ho accettato di partecipare alla sfida #31grazie lanciata da Chiara del blog “machedavvero?”: ogni giorno, per 31 giorni, fermarsi e cercare almeno una cosa per cui essere grati.
Stavo letteralmente raschiando il fondo, andavo a letto e mi addormentavo con il cuscino bagnato di lacrime, sempre se mi addormentavo... Ero titubante all'inizio, non avevo in quei giorni nulla di cui gioire, ma poi mi è venuta in mente la frase di Henry James e ho capito che, come sempre, mi stavo dimenticando della cosa più ovvia: ero viva. Già solo di questo si dovrebbe rendere grazie ogni giorno, ma quante volte lo facciamo?
Così non ho perso tempo e ho subito reso pubblico il mio intento di prendere parte a questa iniziativa e poi ogni sera, a letto, invece di piangere (o oltre a piangere) per 31 giorni mi sono messa con il lanternino a cercare una cosa, anche piccolissima, per cui essere grata.
Ci sono stati giorni più facili (quando ero in Scozia avevo l'imbarazzo della scelta), altri molto difficili, ma ora che ho provato l'effetto di questo esercizio di mindfulness, vi posso assicurare che funziona e si, arrivi a gioire delle lacrime che ti bagnano il viso, se questo significa essere, ancora, viva.


La vita è diventata una passeggiata, dove io sorrido allegra nonostante i colpi del destino? No, ma sono più consapevole anche nei momenti no, sono più presente, pronta a darmi una pacca sulla spalla, a stringere i denti, a dirmi di tenere duro, che domani è un altro giorno, poi passa o farà un po' meno male.
E poi ci sono giorni in cui proprio non ce la fai e ringrazi solo che siano finiti. Anche loro fanno parte della vita.


(Vivi tutto ciò che puoi, è uno sbaglio non farlo. Non ha importanza che cosa fai in particolare, fino a quando hai la tua vita. Se non l'hai avuta, che cosa hai mai posseduto?)

8 commenti:

  1. Questo esercizio può essere molto faticoso a volte, ma lo trovo stimolante e intelligente. Anche se non ci conosciamo, mi sembri una persona molto apprezzabile e di grande valore. claudiag

    RispondiElimina
  2. L'esercizio è splendido. Chissà se avrei mai la costanza di arrivare alla fine....
    Bravissima!

    P.S. Sono andata a curiosare in Instagram i tuoi 31 giorni e devo dirlo: uno meglio dell'altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Martina! Anch'io non pensavo di riuscire ad essere costante e invece è diventato un appuntamento serale molto prezioso per me e ho saltato solo un giorno. Credo lo ripeterò!

      Elimina
  3. Orgogliosa di te e felice di averti, ora, nella mia vita.

    Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sorpresa, Flavia, il tuo commento. Grazie, mi fai arrossire...
      Sono tanto contenta anch'io!

      Elimina
  4. Ciao! Ho trovato questo tuo blog proprio grazie all'iniziativa di Chiara e devo dire che condivido in pieno quello che scrivi! Ti seguo subito :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gaiman, non sai quanto mi fa piacere!

      Elimina